Author: Marco Cortesi

Oggi annunciamo la selezione di Rwanda all’ECU - The European Independent Film Festival, uno dei festival cinematografici più importanti del mondo e uno degli appuntamenti più attesi della scena cinematografica europea. 80 film da tutto il mondo: “Rwanda” è l’unico

Credo che non riusciremo mai a vivercela bene! E lo dico con il sorriso sulle labbra, ma in fondo non si tratta di una esagerazione o di una bugia. È la verità! Per quanto l’abitudine ad una proiezione in sala

Un lavoro superlativo di un'intensità impressionante, che con precisione storica ( da cui sono possibili numerosi excursus didattici) si propone di raccontare il genocidio ruandese, portando sullo schermo l’umanità ferita in quei 104 giorni terribili che hanno portato ad un milione

900 spettatori sono tanti, tantissimi… ed allo stesso tempo rappresentano le centinaia di occhi di una enorme platea che respira insieme a te, che segue la tua storia con incredibile entusiasmo e passione. Ed è strano - sapete - perché

Perché - credetemi - è dura! La mole di lavoro è enorme a volte… eppure andiamo avanti con il sorriso sulle labbra. E so che molti di voi capiscono perfettamente quello che sto dicendo! Credere nel proprio lavoro, spaccarsi la

«State riempiendo un teatro dietro l’altro! Deve essere un periodo fortunato per voi!» Esclama il collega che ci raggiunge al termine di uno dei nostri spettacoli a bordo palco. Ho l’impressione in queste occasioni che la domanda nasconda un sottotesto

Mai ci saremmo aspettati una simile accoglienza. Mai. In circa 48 ore dal lancio della effettiva distribuzione ad evento del film “Rwanda” le richieste di proiezione pubblica hanno superato soglia 70. Il film giungerà così nelle sale cinematografiche di 70

Non lo nego: è un'emozione forte, fortissima… uno strano mix di gioia e paura. San Giorgio delle Pertiche, una delle più conosciute e apprezzate stagioni di teatro civile della nazione (giunta a oltre venti edizioni con enorme successo di critica

Non lo nego: è un'emozione forte, fortissima… uno strano mix di gioia e paura. San Giorgio delle Pertiche, una delle più conosciute e apprezzate stagioni di teatro civile della nazione (giunta a oltre venti edizioni con enorme successo di critica

Grazie per avermi insegnato tante cose, ma tra queste anche la più importante di tutte: il non avere paura della fatica, l’amore per la propria arte, la dignità nello sporcarsi le mani, la professionalità, la serietà, il rispetto, la decisione.

X