“Rwanda” – Il film è concluso

PIN

Mai e poi mai avrei pensato che sarebbe stata così dura!… E so che questo è un inizio un po’ strano per uno dei miei post! Solitamente la partenza è “in levare”… Solitamente mi piace partire con frasi del tipo: “una meravigliosa, irripetibile avventura che è stata capace di trasformarci e di riempirci di entusiasmo!”, ma se così facessi, non sarei sincero. Realizzare un film, questo film, è stato meraviglioso, ma non è stato mai (e poi mai) facile. La realizzazione di “Rwanda” ha rappresentato una sfida costante, senza pause, senza interruzioni, senza intervalli.

Con una regolarità che sapeva di cinica tortura, ogni singola fase (dallo shooting al catering, passando per assicurazioni, pratiche burocratiche, noleggi, doppiaggi e quant’altro)… ogni singola fase di questo film è stata contrassegnata da una serie infinita di ostacoli, problemi, difficoltà, così spinosi e apparentemente insormontabili da spingerci più di una volta a pensare: “Molliamo tutto!”… Anche quando tutto sembrava essere sotto controllo, ecco che i problemi iniziavano a giungere dalle direzioni più assurde e per i motivi più improbabili.

Questo film mi ha insegnato che cosa sia davvero la perseveranza e vi confesso che fino ad oggi il mio concetto di “perseveranza” era fin troppo blando, scolorito e debole. Questa è la perseveranza: continuare a credere in questo progetto mastodontico, così epico da rasentare la follia, per così tanto tanto tempo fino a farne una malattia, una paranoia, una ossessione che toglie il sonno. Ma alla fine ce l’abbiamo fatto e se parte del merito va alla nostra perseveranza, l’altra parte (molto oltre la metà) va ai nostri collaboratori: la migliore troupe che questo film potesse mai avere. Una squadra di incredibili talenti coordinati da colui che ha dato prova della più instancabile perseveranza: il nostro regista Riccardo Salvetti. Senza Ricky (e anche senza Massimo, il nostro direttore della fotografia nonché produttore) questo film non avrebbe mai visto la luce!

Ed eccoci ora con questi 90 minuti esatti tra le mani: belli, bellissimi, odiati per tutto il lavoro che hanno richiesto, ma amati per le emozioni che sono ora in grado di regalare“Rwanda” è ufficialmente terminato ed ecco iniziare una nuova fase del suo viaggio: la partecipazione ai principali festival cinematografici nazionali e internazionali. Palcoscenici importanti in grado di regalare una visibilità immensa, ma che pretendono da regolamento una garanzia importante quasi fosse un sinistro ricatto: la pellicola deve essere inedita, totalmente vergine… Nessuno potrà ancora vedere “Rwanda” (e questo circonda il tutto di uno strano velo di “leggenda e mistero”, non credete?), ma vi possiamo assicurare: siamo davvero alla fine e questa attesa vale sicuramente la pena. Credetemi!

Tenete sott’occhio il sito ufficiale del film per tutti gli ultimissimi aggiornamenti e preparatevi – ne siamo certi – ad una gran bella news!
Grazie per averci permesso di arrivare fin qui!

(Photo by Pierpaolo Longo ©)

Hi, I'm Marco Cortesi

Marco Cortesi è attore e regista. Diplomato presso l’Accademia Nazionale D’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” di Roma, sviluppa la sua produzione teatrale come attore monologante di teatro civile alternando il lavoro come autore e attore in tv (con il programma “Testimoni” per Rai Storia da lui ideato e interpretato). Tra i suoi lavori teatrali, nati da un’attenta indagine d’inchiesta, “Le donne di Pola”, monologo sulla guerra nella Ex- Jugoslavia con oltre 350 repliche, un libro ed un DVD, “L’Esecutore”, un documentario-teatrale in formato Libro+DVD sull’ultimo boia di Francia, scritto da Paolo Cortesi e liberamente ispirato ad una storia vera (Infinito Edizioni) e “La Scelta”, quattro storie vere dal conflitto di Bosnia basato sul libro “I Giusti nel Tempo del Male” della Dott.ssa Svetlana Broz (Ed. Erickson) ora un libro+DVD per Edizioni Erickson. E' inoltre autore e interprete dello spettacolo "Rwanda", monologo-testimonianza sulle vicende del genocidio rwandese. E' coautore e interprete del film "Rwanda", trasposizione cinematografica dell'omonimo spettacolo teatrale, presentato alla 75° Mostra del Cinema di Venezia in accordo con Le Giornate degli Autori. Il suo ultimo spettacolo "Die Mauer - Il Muro" sulla storia del Muro di Berlino è ora in tournèe.

http://www.marco-cortesi.com

Leave Your Comments

X